Sorry

This page is not valid in your langage.
Please change your location to see the article.

The Jane

Antwerpen, Belgium
icons/arrow Created with Sketch.
icons/arrow Created with Sketch.

The Jane offre una combinazione unica di gastronomia di alto livello resa accessibile al grande pubblico che prova l’alta gastronomia per la prima volta 

Dialogo con Nick Bril

Intrattenere e offrire momenti di gioia le persone è nella mia natura. Desidero condividere una parte di me con gli altri.
Come descriverebbe la sua filosofia culinaria?
A seconda della stagione e del prodotto, cerco un profilo aromatico unico. La mia traiettoria è principalmente segnata dalle sensazioni a pelle. Esistono molti modi diversi per emozionarsi. E le emozioni si traducono in un piatto.

I viaggi, la cucina di altri paesi del mondo e le tecniche diverse amplificano ancora di più questa sensazione, ma è sempre il prodotto principale che porta alla creazione di una pietanza. Tutto è incentrato nell’uso di una bella verdura o di un pesce delizioso esposto in un modo unico ed emozionante.
Qual è la sua idea di piacere?
Per me, è quando tutti i diversi elementi si uniscono in un tutt’uno. È godersi piatti saporiti insieme a un buon bicchiere di vino in un contesto in cui ci si sente accolti. Un luogo che offre una bella atmosfera. Se queste componenti, per un momento, fanno dimenticare tutte le sofferenze del mondo, questo è quello che definisco “piacere”.

Tralasciando la vita lavorativa, amo fare viaggi memorabili con la mia famiglia. Per me, viaggiare è un modo per rilassarmi e dimenticare la vita frenetica.
Qual è l’esperienza più stimolante che ha vissuto nel suo viaggio per diventare chef?
Gli stage che ho fatto in passato, come le due settimane nella Napa Valley da Thomas Keller e altri due stage in Giappone. Ovviamente, ottenere le stelle Michelin è un’esperienza indimenticabile e fantastica per uno chef.
Qual è stato il piatto più memorabile che ha cucinato o mangiato?
Un menù omakase di sushi preparato da uno dei più grandi maestri giapponesi.
Con chi condividerebbe la sua cena ideale e perché?
Con mia moglie
Qual è la cosa più preziosa per lei?
Professionalmente, che il mio duro lavoro e la mia filosofia rigorosa trovino sempre una traduzione in esperienze meravigliose realizzate per i miei ospiti. Oltrepassare i limiti dietro le quinte per creare momenti unici per loro. Questo è il motivo per cui lo si fa.

Personalmente, i miei due stupendi figli
Se potesse scegliere tre cose, quali porterebbe su un’isola deserta?
La mia postazione da DJ. La musica e la mia passione per la musica la renderebbero più piacevole. E forse porterei anche una canna da pesca. (Ride :))
Cosa la rende Krug Lover?
Prima di tutto, penso che KRUG abbia un carattere unico, in particolare in un mondo tanto variegato. Un prodotto con una potente storia dietro di sé.
Potrebbe descrivere il suo primo sorso di Krug?
La mia prima esperienza con KRUG è stata durante un incontro con “Les Grandes Tables du Monde”. Ho degustato un bicchiere classico e complesso, ricco e lussuoso. Un bicchiere che fa pensare.
Qual è il suo abbinamento gastronomico preferito con Krug?
Al 90% propongo pesce, frutti di mare e crostacei. Di questi prodotti ammiro la delicatezza. Si combina all’infinito con altri sapori. Personalmente, trovo che l’abbinamento migliore con un bicchiere di KRUG sia con frutti di mare crudi e prodotti del mare.
Qual è il momento ideale per degustare Krug?
A volte, bevo un bicchiere di KRUG la sera tarda, dopo il servizio. Se la fatica si fa sentire, un bicchiere di KRUG è un tonico per continuare a lavorare per un paio d’ore.

All KRUG Ambassades

icons/arrow Created with Sketch.
icons/arrow Created with Sketch.
Krug Grande Cuvée
Krug Grande Cuvée
Composto da
Selezionato da