La Cave de La Grande Epicerie de Paris

Francia
icons/arrow Created with Sketch.
icons/arrow Created with Sketch.

Appassionato, genuino e con uno spirito "campagnolo", Hugues Forget ha fatto la gavetta in ristoranti di primissimo livello, al Bristol e all'Astor, per poi entrare a far parte dell'équipe di Philippe Faure Brac, insignito del titolo di Miglior Sommelier al Mondo nel 1992. Da oltre 15 anni presta servizio alla Grande Epicerie de Paris, di cui è divenuto lo Chef de Cave.

Non ho mai bisogno di un'occasione particolare per stappare e degustare champagne
Le sue fonti di ispirazione ?
Gli incontri con i produttori, i viticoltori e gli Chef de Cave (dalle grandi Maison storiche a quelle più giovani) sono sempre dei grandi momenti di ispirazione per me. Tuttavia mi lascio anche ispirare da ciò che mi circonda durante le uscite che facciamo insieme: dalla condivisione della scoperta di nuovi luoghi e ristoranti a quella delle nostre opinioni.
Quali sfide ha dovuto affrontare ?
La vera sfida è rendere accessibile e comprensibile lo champagne per sottolineare l'idea di condivisione che è al cuore dell'esperienza di degustazione.
I valori più importanti per lei ?
Il rispetto, l'impegno, la fedeltà attraverso legami duraturi, nella vita professionale come in quella personale.
Qual è stato il suo più grande successo con Krug ?
Senza alcun dubbio, l'uscita del millesimato 1996 Clos d'Ambonnay. Ricordo che diversi clienti ci chiamarono per assicurarsi di poter trovare qualche prezioso esemplare nella Cave della Grande Epicerie de Paris.
Il suo ultimo sorso Krug ?
Preferisco pensare al prossimo e posso già dirle che si tratterà di Krug Grande Cuvée, che sorseggerò durante una prossima cena in compagnia di amici.

Hugues Forget

ALL KRUG Ambassade

icons/arrow Created with Sketch.
icons/arrow Created with Sketch.
Krug Grande Cuvée — Grand Soleil
00:13